Feeds:
Articoli
Commenti

Del grandissimo successo del festival di quest’anno nee hanno già scritto Ioana, Francesco e Paolo, ne scriverò a breve anche io e ne frattempo rendo disponibili, per chi non avesse potuto partecipare alla sessione di Myrta e mia, le slide della nostra presentazione (I due video di pagina 20 e 23 li potete vedere dopo il “salto”).
A prestissimo!

Continua a leggere »

Fonte: flickr

Ore 14.00, sabato 9 maggio 2009. Bocce nuovamente ferme. Un altro Festival del Fundraising è terminato. La seconda edizione. Anche quest’anno un grande successo, maggiore rispetto allo scorso anno (ma c’era da aspettarselo, la continuità di un evento ti permette di correggere eventuali errori e fare sempre meglio). Mi sono giunte voci che circa un centinaio di persone purtroppo non vi hanno potuto partecipare ma soprattutto, e qui non posso che fare i miei complimenti al Prof. Melandri, mi sono giunte voci che lo scorso anno l’evento si è deciso di realizzarlo in tempi record.
Insomma complimenti Prof. Melandri e complimenti a tutto lo staff che ha lavorato assiduamente per diversi mesi.
A bocce ferme ho pensato di condividere alcuni spunti/pensieri/messaggi che ho appreso da alcuni corsi di quest’anno… Continua a leggere »

Aula Magna FFR 2008

Aula Magna FFR 2008

Fonte: flickr

Mancano 2 giorni al Festival del Fundraising 2009, la seconda edizione dell’iniziativa che ha scombinato, lo scorso anno, ogni equilibrio nel settore ponendosi come “L’evento” annuale sulla raccolta fondi.
I dati di questa edizione sono impressionanti, si parla di un aumento delle presenze del 50% (450 persone contro le 300 dello scorso anno) a dimostrazione di quanto la nostra professione cresca ed interessi sempre di più… insomma Melandri lo scorso anno ha rischiato e parecchio, ci ha rispovato nel 2009 e per il secondo anno sembra che si possa dire che abbia vinto la sua scommessa.

Ma questo post non è concepito per incensare l’ottimo Valerio, per quello, se lo meriterà, ne scriverò uno dopo la conclusione dell’evento 😉 … questo post vuole essere un racconto… Continua a leggere »


source: flickr

C’è grossa crisi…” diceva così il profeta di “Quelo” in una fortunata parodia creata da Corrado Guzzanti, parodia dei profeti di sventura, pseudo santoni in grado di dare risposte (spesso scontate) a chi è nel panico più totale.

Ed il panico mi pare stia prendendo anche una parte del nostro amato settore nonprofit…
“Crisi delle donazioni”, “Terzo settore: è allarme donazioni” e chi più ne ha più ne metta, sono solo alcuni titoli apparsi sui giornali negli ultimi mesi. Se n’è parlato anche on-line, per fortuna, con toni molto meno allarmistici e molto più ponderati… lo hanno fatto Francesco Quistelli, per primo, qui, Ioana Fumagalli su Fundraisers’ diary e Valerio Melandri qui.

Pur condividendo lo spirito di questi tre ultimi post citati, ho sentito comunque il bisogno di dire la mia, stimolato anche da numerose richieste di commenti sul tema (l’ultima in ordine di arrivo sarà la partecipazione, venerdì prossimo, al dibattito “Vendere le donazioni: un paradosso? Nuove strategie per nuove sfide” durante “Fa la cosa giusta” con Giorgio Fiorentini a Milano).

La crisi c’è la crisi non c’è, partirei dal presupposto che per esserci c’è ma che, come quasi tutte le crisi, fa distinzioni, ovvero non colpisce e non lo fa nello nello stesso modo, tutte le organizzazioni.
Primo punto: le crisi, oltre a fare danni, fanno anche selezione ovvero i player che meglio sanno muoversi o che meglio hanno saputo farlo nel passato vengono “premiati” a scapito di chi non è stato in grado di fare questo.
Un esempio su tutti, … Continua a leggere »

Fonte: flickr

È da novembre circa che questa fantomatica crisi globale mi ha interessato direttamente, o meglio, mi ha interessato professionalmente.
Prima di novembre ovviamente leggevo della crisi, se ne parlava già dappertutto, un po’ come l’uscita di uno dei ragazzi dalla casa del Grande Fratello o l’insurrezione dei mass media contro i ROM romeni o presunti tali. Ma sinceramente professionalmente tutto reggeva, si andava avanti senza alcun problema.
Arriva novembre.

Qualche telefonata da aziende un po’ preoccupate, qualche contratto chiuso… Continua a leggere »


Sono lieta di invitarvi a visitare la nuova sezione del nostro blog “Training and Consultancy” dedicata, come recita il titolo stesso, alla consulenza e alla formazione on demand.

buona lettura!

Dopo tanto, tantissimo tempo è on-line, è nato… è Cesviamo!

Cos’è, come funziona, ecc. ecc. avremo tempo di parlarne nei prossimi giorni e sicuramente altri lo faranno meglio di me…
Ora, dopo essere tornato a casa dall’evento di presentazione alla stampa che ha dato il via ufficiale al progetto, ho solo voglia di condividere con voi che finalmente uno dei progetti web più ambiziosi degli ultimi anni è vivo!

Guardatelo, studiatelo ma soprattutto giocateci!
E’ Cesviamo.org e non vi dico null’altro se non:

SCOMMETTI CHE CI RIUSCIAMO?

Cesviamo.org

Cesviamo.org

P.S. permettetemi solo di ringraziare alcune persone che in questi due anni mi sono state vicine in questo progetto:
Francesco Quistelli, il primo a credere nell’idea di un social network per la raccolta fondi e a darmi il via libera per partire… Giangi Milesi che nonostante di web capisca poco riesce sempre a vedere un passo avanti e mi ha dato fiducia per ben due volte (una da consulente e una da interno) su questo progetto…
Myrta Canzonieri e Luca Fumagalli che hanno fatto sì che un grande partner entrasse a far parte del progetto… Marta Cagliani che insieme a Luca ha realizzato il video che tanto successo sta riscuotendo….
e poi all’incredibile Chiara Magni che ha partecipato dalle fasi del sogno a quelle della realizzazione arrivando, in ultimo, ad organizzare uno splendido lancio stampa… a Rapp e Tribal DDB (Ilaria Affer e Sergio Mandelli in particolare) che hanno creato il nuovo Cesviamo e a tutto lo staff del Cesvi… grazie per essermi stati vicini… per avermi sopportato in questi ultimi giorni… e per essere sempre lì… e poi in ultimo non un grazie ma una dedica… per quel pezzo di Cesviamo che “appartiene” a me la dedica va alla mia splendida Ioana… Grazie!!!!